Lo zen e l'arte della manutenzione del podista

E’ qualche tempo che non scrivo ed è qualche tempo che corro anche meno. Più di tutto la settimana scorsa è stata molto incasinata lavorativamente e mi è toccato rinunciare alle corse in pausa pranzo.

Devo dire però che questo “stop” forzato è stato un bene perchè probabilmente la poca voglia delle ultime uscite era legata ad un filo di sovraccarico (di testa ma anche fisico). Riprendendo a correre ho subito notato più freschezza, ho anche trovato la voglia (per me non “normale”) di uscire anche con la pioggia. Questa la parte di manutenzione “fisica”. Per l’hardware devo ancora lavorare visto che dopo 873Km percorsi, la fascia toracica del Forerunner si è nuovamente scaricata. Urge sostituzione della batteria.

Ricapitolando la settimana si è così sviluppata:

Martedì: 5,88Km in 31’48” di tappeto (in palestra), passo stimato 5’24″/Km
Mercoledì: 1h30′ di partita di calcio a 7 (vinta)
Sabato: 7,21Km @ 4’46″/Km (… che goduria!)
Domenica: 8,73Km @5’13″/Km (sotto la pioggerellina, gran divertimento, belle sensazioni)

TOTALE: 21,82Km @ 5’07″/Km (magari tenessi questo ritmo sulla mezza 😉 ma ci arrivo eh… )

0 Responses to “Lo zen e l'arte della manutenzione del podista”


Comments are currently closed.