Millimetri e patate

Oggi giornata passata a mollo alle Terme di Premia. Gran relax, acqua calda e bolle dappertutto.

Non mi sono voluto però togliere la soddisfazione di un (probailmente ultimo) giro di Masera per chiudere in bellezza. E per farlo davvero alla grande ho fatto il giro al contrario rispetto a come lo faccio di solito.

Ho sempre avuto la “sensazione” che il giro di Masera “antiorario” fosse più facile, forse perchè c’è tanta discesa da Preglia a Domo. Sensazione confermata visto che oggi ho sofferto parecchio (facendolo in senso “orario”), soprattutto la salita verso Montecrestese a 2Km dalla fine del giro.

In totale son stati 12,97Km (non ho fatto la passerella di Masera ma nemmeno il pezzetto fino al Curotti…) corsi a 5’44″/Km.

Perchè il titolo? Perchè mentre salivo verso Preglia un coglione con la Mini mi ha fatto un tale pelo che è riuscito a toccarmi con lo specchietto l’iPod (ho sentito toc…) che avevo infilato nella taschina dei pantaloncini… millimetri e mi faceva fuori come minimo l’anca…
La patata invece perchè all’attacco della salita verso Montecrestese è iniziata la Sagra della Patata e la voglia di fermarsi a mangiare è stata tanta!!!

1 Response to “Millimetri e patate”


  • Purtroppo di coglioni ne è pieno il mondo.. io corro sempre contromano, preferisco guardare la morte dritto negli occhi.
    Per il giro di Masera, se lo vuoi da 14km, oltre a partire e tornare dal Curotti, devi passare dietro Preglia, ossia (direzione Domo–>Preglia) svoltare a sinistra alla rotonda, proseguire diritto fino in fondo e svoltare a destra all’incrocio; in questo modo sbuchi in cima a Preglia (zona Conan/tabaccheria) ed eviti il traffico della statale del Sempione.
    Ciao!

Comments are currently closed.